Autore Topic: Farmaci antinfiammatori: limitazioni all'uso a causa di rischio cardiovascolare  (Letto 7281 volte)

cristiana

  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 2745
  • Sesso: Femmina
    • Mostra profilo
    • Intossicazioni croniche da accumulo di elementi tossici
Rischio cardiovascolare con farmaci antinfiammatori non-steroidei



A) Diclofenac ( Voltaren et altri ): dovrebbe essere vietato come farmaco OTC
 
La revisione di  Patricia McGettigan, David Henry su PLoS Medicine sostiene che i preparati a base di Diclofenac non dovrebbero essere venduti come farmaci OTC, a causa del grave rischio cardiovascolare
" La revisione sostiene la necessità di un’azione normativa sul Diclofenac, in particolare in quanto è disponibile senza ricetta in molti Paesi. I dati hanno mostrato un aumento del rischio con dosi basse, a differenza dei suoi farmaci concorrenti. "



B) Ibuprofene ( Brufen et altri ): attenzione al dosaggio

Nel caso di Ibuprofenele le avvertenze nella scheda tecnica dovrebbero essere rafforzate per sconsigliare i pazienti ad alto rischio di malattia cardiovascolare a non superare la dose massima raccomandata di 1.200 mg/die

 

C) Indometacina ( Indoxen et altri ): il suo uso dovrebbe essere evitato

La revisione getta inoltre dubbi sulla sicurezza di un farmaco come l' Indometacina. L’Indometacina provoca una serie di effetti gastrointestinali e sul sistema nervoso centrale che, combinati con le prove disponibili sul rischio cardiovascolare, dovrebbero portare a una revisione del suo uso clinico continuativo.

 

D) Naprossene ( Synflex et altri ) e Ibuprofene ( Brufeb et altri ) sono i farmaci antinfiammatori più sicuri sotto l'spetto cardiovascolare

Naprossene e Ibuprofene a basse dosi forniscono i profili di rischio cardiovascolare più favorevoli. Questo vantaggio deve essere valutato anche in base ai rischi gastrointestinali dei farmaci, e per quanto riguarda Ibuprofene, per evitare l’antagonismo con gli effetti benefici dell'Acido Acetilsalicilico ( Aspirina ).

 

E) Etoricoxib ( Arcoxia et altri ): è un analogo del Vioxx

I dati per Etoricoxib sono limitati, ma sollevano seri dubbi circa la sua sicurezza, in particolare per via del fatto che farmaci analoghi come Rofecoxib e Lumiracoxib sono già stati ritirati.

FONTE
Cristiana

"Vivi la tua vita meglio che puoi circondato dall'amore che ti meriti!"
"Solo l'informazione potra' salvarci quando tutti gli ignoranti moriranno con il sorriso sulle labbra!"