Autore Topic: Eiaculazione precoce: Priligy dà troppi effetti collaterali  (Letto 36320 volte)

cristiana

  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 2734
  • Sesso: Femmina
    • Mostra profilo
    • Intossicazioni croniche da accumulo di elementi tossici
Eiaculazione precoce: Priligy dà troppi effetti collaterali
« il: Settembre 10, 2010, 12:28:42 »
Priligy: effetti indesiderati

La sicurezza di Priligy ( Dapoxetina ) è stata valutata in 4.224 pazienti affetti da eiaculazione precoce che hanno preso parte a 5 studi clinici in doppio cieco, controllati con placebo; 1.616 pazienti su 4.224, hanno ricevuto una dose di Priligy da 30 mg al bisogno e 2.608 hanno ricevuto una dose di Priligy da 60 mg, al bisogno o una volta al dì.

La sincope, descritta come perdita di conoscenza, è stata segnalata negli studi clinici ed è ritenuta farmaco-correlata.
Nella maggioranza dei casi si è manifestata nelle prime 3 ore dall'assunzione del farmaco, dopo la prima dose o in associazione a procedure correlate allo studio clinico quali prelievo di sangue, manovre ortostatiche, misurazioni della pressione arteriosa. Sintomi prodromici hanno spesso preceduto la sincope.

Negli studi clinici è stata segnalata ipotensione ortostatica.

Le reazioni avverse più comunemente riportate durante gli studi clinici sono state cefalea, capogiri, nausea, diarrea, insonnia e affaticamento.
Gli eventi avversi più comuni che hanno portato alla sospensione del trattamento sono stati nausea ( 2.2% dei pazienti trattati con Priligy ) e capogiri ( 1.2% dei pazienti trattati con Priligy ).

Prilagy può causare le seguenti reazioni avverse, suddivise per frequenza [ Molto comune ( maggiore o uguale a 1/10 ); Comune ( maggiore o uguale a 1/100, minore di 1/10 ); Non comune ( maggiore o uguale a 1/1.000, minore di 1/100 ) Raro ( maggiore o uguale a 1/10.000, minore 1/1.000 ) ]:

Disturbi psichiatrici - Comune: insonnia, ansia, agitazione, irrequietezza, riduzione della libido, sogni anomali; Non-Comuni: depressione, umore depresso, nervosismo, incubi, disturbi del sonno, bruxismo, umore euforico, indifferenza, apatia, umore alterato, insonnia iniziale, insonnia intermedia, anorgasmia, stato confusionale, ipervigilanza, pensierianomali, disorientamento, perdita della libido.

Patologie del sistema nervoso – Molto Comuni: capogiri, cefalea; Comuni: sonnolenza, alterazione dell'attenzione, tremore, parestesia; Non-Comuni: disgeusia, ipersonnia, letargia, sedazione, riduzione del livello di coscienza, sincope, sincope vasovagale, capogiri posturali, acatisia; Rari: capogiri da sforzo, Colpi di sonno improvvisi.

Patologie dell'occhio – Comuni: visione offuscata; Non-Comuni: midriasi, disturbi visivi.

Patologie dell'orecchio e del labirinto – Comuni: tinnito; Non-Comuni: vertigini.

Patologie cardiache – Non-Comuni: arresto sinusale, bradicardia sinusale, tachicardia.

Patologie vascolari - Comuni: vampate; Non-Comuni: vampate di calore, ipotensione, ipertensione sistolica.

Patologie respiratorie, toraciche e mediastiniche – Comuni: congestione sinusale, sbadiglio.

Patologie gastrointestinali – Molto comuni: nausea; Comuni: diarrea, bocca secca, vomito, costipazione, dolore addominale, dolore nella regione addominale superiore, dispepsia, flatulenza, fastidio allo stomaco, distensione dell'addome; Non-Comuni: fastidio addominale, fastidio epigastrico; Rare: defecazione urgente.

Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo – Comuni: iperidrosi; Non-Comuni: prurito, sudorazione fredda.

Patologie dell'apparato riproduttivo e della mammella – Comuni: disfunzione erettile; Non-Comuni: mancanza di eiaculazione, parestesia degli organi genitali maschili, disturbo dell'orgasmo maschile.

Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione – Comuni: affaticamento, irritabilità; Non-Comuni: astenia, sentirsi accaldato, sentirsi nervoso, sentirsi strano, sentirsi ubriaco.

Esami diagnostici - Comuni: aumentata pressione arteriosa; Non-Comuni: frequenza cardiaca aumentata, pressione arteriosa diastolica aumentata, pressione arteriosa ortostatica aumentata. ( Xagena2010 )

Fonte: AIFA, 2010
           Farma2010 Uro2010
           xagena.it

Cristiana

"Vivi la tua vita meglio che puoi circondato dall'amore che ti meriti!"
"Solo l'informazione potra' salvarci quando tutti gli ignoranti moriranno con il sorriso sulle labbra!"

Nick

  • Newbie
  • *
  • Post: 1
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re:Eiaculazione precoce: Priligy dà troppi effetti collaterali
« Risposta #1 il: Settembre 02, 2013, 08:58:43 »
Buongiorno Cristiana,
ho letto il suo articolo e convengo che Priligy è un farmaco che può dare tutta una serie di effetti collaterali. Non voglio screditarne la sua validità, ma non è detto che sia adatto in maniera assoluta a tutti coloro che soffrono di eiaculazione precoce.
L'ho utilizzato una volta sola (circa 2 settimane fa) in dose 30mg (naturalmente sotto prescrizione medica) ma mi è bastata  :o. Questi sono stati i sintomi: forte stato confusionale, capogiri, abbassamento della libido e forti difficoltà di erezione. Mi sono dovuto sdraiare sul letto - non certo per un amplesso  - con la testa all'ingiù e le gambe alzate per riprendermi.
Che dire? Me ne basterebbe 1/3 o 1/4 della pastiglia, o forse semplicemente non è il farmaco per me. Dovrò consultarmi.
Comunque mi aspetto in futuro dei passi in avanti significativi dalla medicina, nonostante la campagna mediatica (finalmente) recente per sensibilizzare al problema dell'eiaculazione precoce. Farmacologia e terapia psicosessuologica vanno bene ma sono costosissime per i pazienti (che sono più di quanto non si pensi) dell'ep. Aggiungo che spesso all'ep stessa è associata un'erezione vulnerabile. Inoltre la risoluzione del problema è lunga, difficile e non garantita.

Nick
« Ultima modifica: Settembre 02, 2013, 09:12:54 da Nick »

cristiana

  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 2734
  • Sesso: Femmina
    • Mostra profilo
    • Intossicazioni croniche da accumulo di elementi tossici
Re:Eiaculazione precoce: Priligy dà troppi effetti collaterali
« Risposta #2 il: Settembre 02, 2013, 04:26:02 »
Buongiorno Cristiana,
ho letto il suo articolo e convengo che Priligy è un farmaco che può dare tutta una serie di effetti collaterali. Non voglio screditarne la sua validità, ma non è detto che sia adatto in maniera assoluta a tutti coloro che soffrono di eiaculazione precoce.
L'ho utilizzato una volta sola (circa 2 settimane fa) in dose 30mg (naturalmente sotto prescrizione medica) ma mi è bastata  :o. Questi sono stati i sintomi: forte stato confusionale, capogiri, abbassamento della libido e forti difficoltà di erezione. Mi sono dovuto sdraiare sul letto - non certo per un amplesso  - con la testa all'ingiù e le gambe alzate per riprendermi.
Che dire? Me ne basterebbe 1/3 o 1/4 della pastiglia, o forse semplicemente non è il farmaco per me. Dovrò consultarmi.
Comunque mi aspetto in futuro dei passi in avanti significativi dalla medicina, nonostante la campagna mediatica (finalmente) recente per sensibilizzare al problema dell'eiaculazione precoce. Farmacologia e terapia psicosessuologica vanno bene ma sono costosissime per i pazienti (che sono più di quanto non si pensi) dell'ep. Aggiungo che spesso all'ep stessa è associata un'erezione vulnerabile. Inoltre la risoluzione del problema è lunga, difficile e non garantita.

Nick

Non è un mio articolo, ho solo riportato la notizia di avvertimento, non hai letto? Fonte: AIFA, 2010 -  Farma2010 Uro2010 -     xagena.it
Cristiana

"Vivi la tua vita meglio che puoi circondato dall'amore che ti meriti!"
"Solo l'informazione potra' salvarci quando tutti gli ignoranti moriranno con il sorriso sulle labbra!"

Sono_io

  • Newbie
  • *
  • Post: 2
    • Mostra profilo
Un integratore ritardante
« Risposta #3 il: Settembre 16, 2015, 06:49:44 »
Io ho avuto miglioramenti significativi con un integratore ritardante naturale (non faccio il nome perchè potreste pensare che voglio fare solo pubblicità sfruttando il forum e non è proprio nelle mie intenzioni).
Non tolleravo gli effetti del priligy, soprattutto perchè avvertivo molta spossatezza che aveva perfino annientato il mio desiderio sessuale.
Mi fu consigliato questo integratore ritardante, di un'azienda italiana e devo dire che gradualmente ho iniziato ad avere effetti sempre migliri sulla mia vita sessuale e suoi miei tempi.
Per fortuna però che mi avevano avvertito che, essendo un integratore e non un farmaco, non dovevo aspettarmi risultati imminediati ma dovevo prenderlo per almeno 1 mese e continuare poi per almeno altri due-tre mesi.
Lo specifico perchè capisco che magari uno preso dalla disperazione per una vita sessuale deludente, vorrebbe "tutto e subito" e con un prodotto naturale questo è qusi impossibile. Cmq...sono contento