Autore Topic: Infezione da Strongiloidiasi  (Letto 7265 volte)

cristiana

  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 2734
  • Sesso: Femmina
    • Mostra profilo
    • Intossicazioni croniche da accumulo di elementi tossici
Infezione da Strongiloidiasi
« il: Settembre 07, 2010, 12:31:17 »
La strongiloidiasi è endemica ovunque nei tropici e nelle aree subtropicali, comprese le aree rurali del sud degli USA. I vermi adulti vivono nella mucosa e sottomucosa del duodeno e del digiuno. Le uova rilasciate si rompono immediatamente e liberano larve rabdoidi che migrano nel lume e sono eliminate con le feci. Dopo pochi giorni al suolo, le larve si trasformano in larve filariformi infettive. Come i vermi a uncino, le larve di Strongyloides penetrano la cute umana, migrano attraverso i polmoni e raggiungono l'intestino, dove maturano in circa 2 sett.

Nel suolo, diverse generazioni di vermi a vita libera possono essere prodotte prima che i vermi tornino a essere parassiti. Le larve filariformi possono saltare la fase al suolo e penetrare direttamente il colon o la cute. La trasmissione è spesso dovuta all'esposizione della cute nuda al suolo contaminato in condizioni non igieniche.

La trasmissione da persona a persona per via oro-fecale è responsabile della maggior parte delle infezioni riportate negli istituti psichiatrici e negli asili nido e tra i maschi omosessuali promiscui.
Può verificarsi autoreinfestazione. La reinfestazione può causare la presenza di un numero altissimo di vermi (sindrome da iperinfestazione) e probabilmente spiega perché l'infestazione può persistere per molti decenni. La sindrome de iperinfestazione si riscontra di solito in persone con immunità cellulo-mediata diminuita, occasionalmente in persone con acloridia o tempo prolungato di transito intestinale e raramente in persone altrimenti sane.
L'accelerata autoinfestazione e l'iperinfestazione si verificano frequentemente in persone affette da virus umano linfotrofico a cellule T di tipo I o in soggetti che assumono farmaci immunosoppressivi, ma la strongiloidiasi disseminata non è comune tra i pazienti con AIDS, anche quelli provenienti dall'Africa dove la strongiloidiasi infetta quasi il 50% della popolazione.
L'immunisoppressione può portare a un'iperinfestazione in persone con un'infestazione precedentemente asintomatica.

Sintomi e segni
Più della metà delle persone infette è asintomatica, anche se  75% ha eosinofilia; l'eosinofilia può essere soppressa da farmaci come steroidi o agenti citotossici chemioterapeutici, che possono anche aumentare il rischio di iperinfestazione.

I sintomi cutanei sono inusuali nella strongiloidiasi acuta ma non in quella cronica. Larva currens, una lesione orticarioide serpiginosa, migrante, di solito alle natiche, al perineo o alle cosce, è patognomonica, ma possono verificarsi altre eruzioni orticarioidi non specifiche o maculopapulari. I sintomi polmonari sono assenti nella maggior parte dei casi, sebbene le infestazioni massicce possano produrre una sindrome di Löffler. Occasionalmente, le larve maturano nella sottomucosa bronchiale e producono una bronchite cronica e asma.
L'infestazione intestinale nel duodeno e nell'adiacente digiuno può danneggiare la mucosa e la sottomucosa.

I sintomi che ne risultano includono dolore epigastrico e dolorabilità, diarrea, nausea, vomito, costipazione e perdita di peso. L'infestazione cronica può portare a malassorbimento di glucoso ed enteropatia da dispersione proteica.
Nell'iperinfestazione, i vermi adulti femmina si accumulano nel piccolo intestino superiore mentre le larve filariformi invadono il restante tratto intestinale.

I sintomi gastrointestinali precoci includono nausea, vomito, diarrea e dolore addominale. L'infestazione non trattata può causare ileo, ostruzione, sanguinamento gastrointestinale massivo, malassorbimento grave e peritonite. I sintomi polmonari includono tosse, espettorazione, dispnea, emottisi, broncospasmo e insufficienza respiratoria. La radiografia del torace può mostrare infiltrati interstiziali diffusi, consolidamento o ascesso.
Le larve migranti possono infettare il SNC, portando a meningite parassitaria, ascesso cerebrale e invasione diffusa del cervello. L'infestazione del fegato può causare epatite colostatica e granulomatosa.
L'alta incidenza di meningiti secondarie da gram -, polmoniti e batteriemie probabilmente riflette la distruzione della mucosa intestinale o il trasporto di batteri da parte delle larve migranti.
L'infestazione può essere fatale nei pazienti immunosoppressi. La mortalità della sindrome da iperinfezione non trattata si avvicina al 100%; la mortalità con il trattamento è del 50-80%.

Fonte: msd-italia.it
Cristiana

"Vivi la tua vita meglio che puoi circondato dall'amore che ti meriti!"
"Solo l'informazione potra' salvarci quando tutti gli ignoranti moriranno con il sorriso sulle labbra!"