Autore Topic: Abiti e vestiti dalla Cina impregnati di cromo esavalente  (Letto 16614 volte)

cristiana

  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 2785
  • Sesso: Femmina
    • Mostra profilo
    • Intossicazioni croniche da accumulo di elementi tossici
Abiti e vestiti dalla Cina impregnati di cromo esavalente
« il: Ottobre 25, 2012, 04:27:30 »
Abiti e vestiti dalla Cina
impregnati di cromo esavalente
Oggi dalla Cina i tessuti trasformati in abiti, scarpe e abitini per neonati,
arrivano impregnati di cromo esavalente, formaldeide, coloranti cancerogeni
e altre sostanze come le ammine aromatiche, altamente nocive per la salute
e vengono venduti nella capitale e nel resto del Belpaese.

Ad allarmare due procure della Repubblica, quella di Roma e quella di Tivoli, il sequestro di circa 80 mila confezioni di capi d'abbigliamento, stoccati all'interno di un magazzino di 6 mila metri quadrati divisi in 13 capannoni, centro di smistamento per tutta l'Europa, nel marzo scorso a Tivoli. Tutto il grande complesso, è sigillato in via definitiva dagli gli agenti della polizia municipale dell'VIII Gruppo di Roma, diretti dal comandante Antonio Di Maggio, che già al primo sequestro avevano ipotizzato che non si trattava solo di merce contraffatta ed etichette irregolari, ma di capi che portavano con sè veleno puro.

A metterli sull'avviso l'odore nauseabondo, soprattutto delle calzature e degli abiti per neonati, come tutine e bavaglini, che li aveva investiti nell'aprire gli imballaggi da sequestrare. E la conferma "dell'alta tossicità per la salute umana dei capi d'abbigliamento" è venuta dalla perizia disposta dal sostituto procuratore della Dda di Roma Carlo La Speranza che ha dimostrato la presenza di cromo esavalente, che non dovrebbe superare gli 0,5 milligrammi per kg, in quantità anche 124 volte superiore.

La minaccia per i consumatori viene soprattutto dalle calzature: in alcuni sandali il cromo esavalente supera appunto di 124 volte la quantità prevista. Ma anche l'analisi dei tessuti degli abiti ha dimostrato l'utilizzo di ben 9 coloranti cancerogeni. Vista la dislocazione dei 12 capannoni di stoccaggio e smistamento, in via Consolini a Tivoli Terme, acclarata la tossicità dei materiali, la palla è passata alla Procura di Tivoli che, su disposizione del gip del tribunale Pier Luigi Balestrieri, ha fatto sigillare tutti i capannoni dagli stessi agenti della polizia municipale che in questi mesi non hanno mai smesso di indagare sui responsabili del traffico illegale e sui luoghi di vendita della merce nella capitale.
Motivo: "evitare l'immissione sul mercato nazionale di tali ingenti quantitativi di capi d'abbigliamento e calzature, altamente dannosi per la salute umana, in considerazione - scrive il gip - del loro potenziale cancerogeno e tossico".

Gli investigatori agli ordini di Di Maggio proseguono. Ad essere indagati oggi sono nove cittadini cinesi, 6 uomini e 3 donne, tra i 52 e i 37 anni, nell'ambito dell'inchiesta della Procura di Tivoli tutti provenienti dalla provincia di Zhejang e denominata "Master China". (Fonte: Ansa di C.B)

FONTE
Cristiana

"Vivi la tua vita meglio che puoi circondato dall'amore che ti meriti!"
"Solo l'informazione potra' salvarci quando tutti gli ignoranti moriranno con il sorriso sulle labbra!"