Autore Topic: Cuore nel mirino, bastano 7 giorni di smog e veleni e sale il rischio di infarto  (Letto 6580 volte)

cristiana

  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 2734
  • Sesso: Femmina
    • Mostra profilo
    • Intossicazioni croniche da accumulo di elementi tossici
15-02-12

Diversi studi osservazionali hanno collegato alti livelli di inquinamento a un battito cardiaco accelerato e a una diminuita variabilità del battito

Milano, 15 feb. (Adnkronos Salute) - Bastano 7 giorni di smog per colpire e affondare il cuore. Fino a 7 giorni: un'esposizione di breve durata a tutti i principali inquinanti che avvelenano l'aria, a eccezione dell'ozono. Secondo gli scienziati questo 'areosol forzato' è significativamente associato a un aumentato rischio di infarto. E' quanto emerge da una revisione e una metanalisi di studi precedenti pubblicata sulla rivista 'Jama'.
A fare il punto su un sospetto che da oltre 50 anni impegna gli studiosi - l'effetto potenzialmente nocivo per la salute di episodi di intenso inquinamento atmosferico - è un gruppo di ricercatori dell'università Paris Descartes. "Nei Paesi industrializzati le malattie cardiovascolari sono la principale causa di mortalità e sono associate a una significativa morbidità - spiegano gli autori della revisione e della metanalisi - Tutti questi Paesi hanno livelli di inquinamento elevati e fin dagli anni '90 molti studi epidemiologici hanno dimostrato l'esistenza di legami fra i livelli di smog e la salute umana, misurando i ricoveri ospedalieri e la mortalità complessiva, compresa quella respiratoria e cardiovascolare. Tuttavia l'associazione fra inquinamento atmosferico e rischio a breve termine di infarto del miocardio rimane controversa". Alcuni studi, riepilogano gli scienziati, "hanno mostrato un legame, altri non hanno trovato associazione o l'hanno trovata in riferimento solo ad alcuni specifici inquinanti".

Hazrije Mustafic, dell'università Paris Descartes, e i suoi colleghi hanno condotto una revisione sistematica e una metanalisi per esaminare proprio l'associazione fra una breve esposizione ai 'veleni' presenti nell'aria e il rischio di attacco di cuore, tentando di quantificarla. I più importanti inquinanti presi in considerazione sono stati l'ozono, il monossido di carbonio, il biossido di azoto, il biossido di zolfo e le Pm10 e Pm2.5.

Gli scienziati hanno fatto una ricerca nell'insieme della letteratura medica sull'argomento e hanno identificato 34 studi da includere nell'analisi. Studi che segnalano associazioni significative da un punto di vista statistico fra gli inquinanti in questione, eccetto l'ozono, e il rischio di infarto.

Gli autori suggeriscono anche un certo numero di meccanismi che potrebbero spiegare questo collegamento: "Il primo è l'infiammazione. Gli studi analizzati hanno mostrato che i livelli dei marker dell'infiammazione come la proteina C-reattiva risultano più alti a seguito di un'esposizione allo smog. Il secondo potenziale meccanismo è la regolazione anomala del sistema cardiaco autonomo. Diversi studi osservazionali hanno collegato alti livelli di inquinamento a un battito cardiaco accelerato e a una diminuita variabilità del battito. Il terzo meccanismo sotto la lente è un aumento della viscosità del sangue dovuto all'inquinamento. Un fattore che potrebbe portare alla formazione di trombi, accelerare la progressione dell'aterosclerosi e attenuare la stabilità delle placche aterosclerotiche".

I ricercatori precisano che l'entità delle associazioni scoperte in questi studi è relativamente piccola se comparata ai classici fattori di rischio per l'infarto, come il fumo, l'ipertensione o il diabete. Ma gli esperti non nascondono neanche che "la quota di responsabilità attribuibile a ciascun inquinante non è trascurabile perché la maggior parte della popolazione, incluso giovani e disabili, è esposta allo smog, in particolare nelle città, e il miglioramento della qualità dell'aria potrebbe avere un impatto non da poco sulla salute pubblica", concludono gli esperti sottolineando che sono necessarie ulteriori ricerche per capire quali interventi e politiche hanno un reale effetto sulla diminuzione dell'incidenza dell'infarto miocardico.

Fonte
Cristiana

"Vivi la tua vita meglio che puoi circondato dall'amore che ti meriti!"
"Solo l'informazione potra' salvarci quando tutti gli ignoranti moriranno con il sorriso sulle labbra!"