Autore Topic: Confusione  (Letto 10171 volte)

Monic

  • Newbie
  • *
  • Post: 5
    • Mostra profilo
Confusione
« il: Maggio 20, 2011, 12:13:05 »
Salve Cristiana,  ;)
sono intenzionata anche io a togliere le amalgame, però scusami, ci sono delle cose che mi sono poco chiare, :-\ e spero che tu mi possa chiarire.

Perchè VERA STEJSKAL sconsiglia l'assunzione di sostanze chelanti prima della rimozione, finché si hanno fonti tossiche in corpo, in che modo peggiorano la situazione?

Essendo appunto chelanti non dovrebbero migliorarla la situazione, invece di far male...questo non ho capito.

Tu se non sbaglio consigli di farla solo alla fine della rimozione delle amalgame, Ma questa terapia chelante si devono fare si o no? Intendo sono obbligatorie, la dobbiamo fare tutti?

Oppure la devono fare solo chi ha l'intolleranza ai metalli?

Perchè non è molto chiara la cosa...non si capisce come mai alcuni medici la consigliano prima e durante...e altri dopo. ???

Nel topic precedente di Cinzia, parla di uno studio dentistico messo in elenco da te, che consiglia in una preparazione di antiossidanti nell’ottimizzare le capacità funzionali degli organi emuntori (reni, fegato, intestino).
Oltretutto tu dopo dici che questo dentista, dice ai suoi pazienti di fare la terapia chelante con ancora le fonti tossiche in bocca...e tu mi sembra che non sei d'accordo, allora scusami Cristina, perchè lo consigli e lo metti nel tuo elenco, se non pratica bene questa procedura?
E mi sembra che c'è nè più di uno da quelli che hai messo in elenco.

Il tuo denista quando ti ha tolto l'amalgama ha usato oltre la diga, la doppia aspirazione, con fresa al carburo di tungsteno, mascherina agli occhi, ecc ecc? Tu dici che l'ha aspirata, ma l'avrà prima tagliata? Scusa le tante domane, ma vorrei più chiarezza...

Se tu dici che un bravo dentista non deve far assumere chelanti o altre sostanze prima e durante la rimozione, per evitare la situazione, dato che i metalli non potendo essere eliminati entrino in circolo, allora da come dici nemmeno dopo tutta la rimozione si elimineranno queste metalli visto che non possono essere eliminati in nessun modo?
Prima non si eliminano e dopo si??? Non ho capito scusami!
Ti sarei grata mi spiegassi meglio, grazie mille ciao !
« Ultima modifica: Maggio 23, 2011, 05:39:58 da Monic »

cristiana

  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 2793
  • Sesso: Femmina
    • Mostra profilo
    • Intossicazioni croniche da accumulo di elementi tossici
Re:Confusione
« Risposta #1 il: Maggio 20, 2011, 01:24:41 »
La tua confusione credo che sia comune a tantissimi che non hanno letto attentamente quello che scrivo ovunque, non solo qui, ormai da tanti anni, anche se mi rendo conto che il materiale da studiare è tanto e la materia complessa.
Ma cerca di capirmi... ho solo due mani e il tempo dedicato a risponderti su cose a cui ho già risposto mille volte, mi impedisce di rispondere a 13 email di persone che stanno male e mi hanno chiesto aiuto proprio stamattina  :(

I dentisti che trovi nel mio elenco sono degli ottimi dentisti e fanno rimozione protetta ognuno di loro usando un proprio protocollo di rimozione, che può variare, non è uguale per tutti, che però impedisce a paziente, dentista, assistente, ambiente, ecc., di restare contaminati da polveri e vapori di amalgama.

I DENTISTI SONO DENTISTI E DEVONO FARE I DENTISTI, ANCHE SE MOLTI VORREBBERO FARE I "TUTTOLOGI", per questo nella mia pagina dei consigli specifico che il dentista deve limitarsi a fare il dentista e lasciare a chi ne ha vera competenza, il compito di disintossicare una persona dai metalli tossici.
Se vogliono imparare a fare tutto, devono studiare, mostrare i vari documenti attestanti la specializzazione in tutto (possibilmente autentici e non comprati su internet) e aggiornarsi, sennò crereanno solo problemi in più ai loro pazienti, che si ritroveranno oltre che più intossicati di prima, anche con le tasche vuote  :'(

I chelanti non funzionano contro l'intossicazione cronica da metalli tossici e la terapia chelante che dovrebbe essere presidio ospedaliero, ma che invece da quanto leggo in internet la fanno ovunque e la fa chiunque, funzionano nelle intossicazioni ACUTE.

Finchè si hanno fonti tossiche in corpo non si possono assumere chelanti perchè manderebbero in circolo i metalli tossici per esempio degli amalgami. L'organismo riesce ad espellere solo una minima quantità di metalli tossici e poi la maggior parte andrà a fissarsi nelle cellule accumulandosi agli altri, aggravando l'intossicazione cronica e la sintomatologia.
Perciò l'unico sistema che in tanti anni ho constatato che funziona veramente per liberarsi dai veleni, è quello di eliminare prima tutte le fonti tossiche e solo successivamente intraprendere una terapia personalizzata e mirata, data dal medico competente, dopo attento esame del mineral test, basata sull'integrazione di oligoelementi.

Spero di aver risposto in modo esaustivo e di averti chiarito qualche dubbio, se comunque poi anche cercando non trovi risposte ai quesiti, non esitare a scrivermi di nuovo.
In bocca al lupo   :)
Cristiana

"Vivi la tua vita meglio che puoi circondato dall'amore che ti meriti!"
"Solo l'informazione potra' salvarci quando tutti gli ignoranti moriranno con il sorriso sulle labbra!"

Monic

  • Newbie
  • *
  • Post: 5
    • Mostra profilo
Re:Confusione
« Risposta #2 il: Maggio 20, 2011, 04:53:09 »
Ciao Cristiana, ti ringrazio per avermi risposto così velocemente ;)

Credimi, ho letto e riletto parecchio di quello che tu hai scritto, e anche altrove, solo che spesso non si scrivono i dettagli, e si pensa che tutti possano capire e leggere tra le righe quello che si vuole dire, ma non sempre è così...per questo penso che in questi casi bisogna spiegare bene e nei dettagli.

Come ti ho chiesto prima, vorrei sapere se "dopo aver tolto le amalgame"  la terapia chelante la dobbiamo fare tutti, oppure la devono fare solo le persone che hanno intolleranza hai metalli? ???

Ho trovato su Wikipedia che riguardo hai chelanti dice: In medicina la chelazione viene sfruttata nella terapia chelante per il trattamento di alcune intossicazioni dovute all'accumulo di metalli nell'organismo: una volta chelato,"legato" il metallo perde le sue caratteristiche (e quindi nel caso perde la tossicità) per poi venire eliminato legato assieme al chelante.
Però da come mi dici...chi ha le amalgame in bocca ha un'intossicazione cronica, quindi qualsiasi terapia di disintossicazione non funzionerebbe?
« Ultima modifica: Maggio 23, 2011, 05:39:20 da Monic »

cristiana

  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 2793
  • Sesso: Femmina
    • Mostra profilo
    • Intossicazioni croniche da accumulo di elementi tossici
Re:Confusione
« Risposta #3 il: Maggio 20, 2011, 07:19:14 »
Ciao Cristian, ti ringrazio per avermi risposto così velocemente ;)

Credimi, ho letto e riletto parecchio di quello che tu hai scritto, e anche altrove, solo che spesso non si scrivono i dettagli, e si pensa che tutti possano capire e leggere tra le righe quello che si vuole dire, ma non sempre è così...per questo penso che in questi casi bisogna spiegare bene e nei dettagli.

Come ti ho chiesto prima, vorrei sapere se "dopo aver tolto le amalgame"  la terapia chelante la dobbiamo fare tutti, oppure la devono fare solo le persone che hanno intolleranza hai metalli? ???

Ho trovato su Wikipedia che riguardo hai chelanti dice: In medicina la chelazione viene sfruttata nella terapia chelante per il trattamento di alcune intossicazioni dovute all'accumulo di metalli nell'organismo: una volta chelato,"legato" il metallo perde le sue caratteristiche (e quindi nel caso perde la tossicità) per poi venire eliminato legato assieme al chelante.
Però da come mi dici...chi ha le amalgame in bocca ha un'intossicazione cronica, quindi qualsiasi terapia di disintossicazione non funzionerebbe?

Cara Monic, io scrivo sempre tutto in dettaglio, ma non posso farci nulla se poi se le cose che scrivo non vengono lette e non si clicca sui link che posto, come è successo qui:
Citazione
Come ti ho chiesto prima, vorrei sapere se "dopo aver tolto le amalgame"  la terapia chelante la dobbiamo fare tutti, oppure la devono fare solo le persone che hanno intolleranza hai metalli? ???

A me sembrava di averti dato una risposta chiara come il sole, la terapia chelante va a eliminare i metalli tossici, ma anche oligoelementi essenziali come calcio e magnesio nel sangue, quindi funziona in caso di intossicazione acuta, non agisce a livello intracellulare-
E poi vorrei sapere chi ti ha detto che "chi è intollerante ai metalli" (che già mi sembra assurda come definizione quando si parla di metalli tossici) deve fare per forza la terapia chelante
  :o :
Citazione
I chelanti non funzionano contro l'intossicazione cronica da metalli tossici e la terapia chelante che dovrebbe essere presidio ospedaliero, ma che invece da quanto leggo in internet la fanno ovunque e la fa chiunque, funzionano nelle intossicazioni ACUTE.
Poi mi parli d'intolleranza ai metalli.... guarda che qui non si tratta di allergia ai metalli, ma si tratta di AVVELENAMENTO CRONICO. Il mercurio è il veleno più potente al mondo dopo il plutonio. Mi spieghi poi quale beneficio porterebbe secondo te la terapia chelante a chi è allergico ai metalli? Chi è allergico per contatto deve evitare di portare metalli addosso, ma la chelazione serve a chi ha un'intossicazione acuta per esempio da piombo dopo un incidente in un reparto verniciatura.

Che ho già scritto varie volte e in modo chiaro le cose mi hai chiesto e in vari posti  te lo dimostro subito:


Tratto dal documento sulle info: http://www.cristianadistefano.it/info_amalgama.html
Citazione
Avere più di 3 grossi amalgami in bocca può essere causa di INTOSSICAZIONE CRONICA da metalli tossici (cosa ben diversa dall'intossicazione acuta), rilevabile soltanto con un test chiamato "MINERALOGRAMMA". Tale tipo d'intossicazione può essere causa,
altresì, di svariate patologie più o meno serie, a seconda del grado d'intossicazione cronica, del grado di resistenza del sistema
immunitario di ognuno e di tanti altri fattori... c'è chi avvertirà solo nervosismo o mal di testa e chi invece si ammalerà di patologie autoimmuni serie ed invalidanti.
In più dopo circa 7 anni gli amalgami iniziano ad ossidarsi e possono causare infezioni croniche, specialmente alle vie urinarie.
Il rimedio è rimuoverli in protocollo protetto e solo successivamente, cioè quando non si avranno più fonti tossiche in corpo, iniziare a disintossicarsi integrando e riequilibrando gli oligoelementi, rivolgendosi a medici competenti. I chelanti non funzionano su alcuni metalli come mercurio, o alluminio in caso d'intossicazione cronica, senza contare che solo alcuni riescono ad oltrepassare la barriera ematoencefalica ed inoltre sono pericolosi soprattutto per i reni

Tratto dal documento dei consigli: http://www.cristianadistefano.it/consigli_rimozione.html
Citazione
La cosa che raccomando è di non farsi mai rimuovere gli amalgami senza protezione, o da chi usa solo la diga ma le trapana.

Gli amalgami vanno a rimosse in protocollo protetto, non più di 1 al mese, a prescindere dall'intossicazione cronica, perché dopo 7-10 anni al massimo, si ossidano e possono creare infezioni croniche specialmente alle vie urinarie, comunque 3-4 amalgami potrebbero già creare problemi, perché l’intossicazione cronica avviene a causa dell’accumulo nel tempo di piccole quantità di elementi tossici che non possono essere espulsi dal corpo.

Esistono 2 tipi di intossicazione: quella acuta e quella cronica.
-- L'intossicazione acuta è rilevabile entro poche ore dalla contaminazione (esempio rimozione non protetta) attraverso la ricerca nelle
urine, funziona un po' tipo quando si fa l'antidoping ai calciatori, sennò dopo 3 giorni non se ne trova traccia. Si hanno dei malesseri per qualche giorno e poi si torna a stare bene, a meno che non si verifichi lo scoppio della "bomba ad orologeria"... frase che serve a spiegare che l'intossicazione acuta può essere la causa scatenante di una patologia già latente, perché il sistema immunitario non è più capace di difendere l'organismo... la classica goccia che fa traboccare il vaso riempito dal continuo e lento accumulo negli anni di elementi tossici
che sono andati a fissarsi nel cervello, ossa, organi, ecc.

-- L'intossicazione cronica può essere diagnosticata con il test del Mineralogramma.
In base alla mia esperienza e alle testimonianze consiglio di rivolgersi a Mineral Test a cui basta inviare i capelli per posta, non occorre andarci di persona, tutti gli altri laboratori mandano i campioni in America, dove vengono analizzati da un sistema computerizzato standard
e le risposte, spesso senza ricetta per integrazione degli oligoelementi, arrivano dopo mesi.
Chi non ha problemi economici può farlo prima della rimozione per togliersi la curiosità e constatare l'effettiva intossicazione cronica, ma sconsiglio vivamente di assumere l'integrazione finché non saranno stati rimossi tutti gli amalgami.
Poi circa 3 mesi dopo la totale rimozione (tempo di ricrescita dei capelli senza avere più fonti tossiche) è necessario fare in test per constatare l'attuale situazione e poter iniziare l'integrazione mirata, personalizzata, per disintossicarsi ed allo stesso tempo reintegrare gli oligoelementi carenti.
Leggi QUI se vuoi saperne un po' di più sul mineralogramma, anche se la lettura esatta può farla soltanto il medico che lo esegue, non è semplice come con le analisi del sangue ed i valori di riferimento possono ingannare... per esempio un valore mercurio nella norma non vuol dire che non si sia intossicati, bisogna tener conto dei valori di altri oligoelementi.

Su metalli come mercurio ed alluminio, in caso d'intossicazione cronica, i chelanti sono inefficaci, quindi l'integrazione è l'unico modo per disintossicarsi. In questo forum trovi documenti anche su questo.
 
Ogni dentista può adottare una sua tecnica, la cosa fondamentale è che dentista e paziente non respirino polveri e vapori di amalgama.

Da un articolo pubblicato su Sanitaliaweb: http://www.sanitaliaweb.it/index.php?option=com_content&view=article&id=783:amalgama-al-mercurio-se-la-conosci-la-eviti&catid=15&Itemid=107
Citazione
I chelanti chimici prima della totale rimozione sono dannosi e successivamente inefficaci in caso d’intossicazione cronica.
Citazione
L’amalgama dentale oltre agli altri metalli tossici contiene più del 50% di mercurio che è l'elemento più tossico al mondo, secondo solo al
plutonio. È un veleno enzimatico che uccide ogni essere vivente, è mutageno e cancerogeno, danneggia le membrane cellulari, quindi non può essere considerato un materiale biocompatibile. Inoltre dopo circa 7 anni inizia a ossidarsi causando spesso infezioni croniche soprattutto alle vie urinarie. Fin dalla posa nella cavità dentale, il mercurio inizia a evaporare e lo farà 24 ore su 24 per tutta la vita e quei vapori andranno a fissarsi soprattutto nel cervello, ma anche negli organi e nelle ossa, accumulandosi ad altri metalli tossici che una volta entrati nel corpo (cibo, farmaci, inquinamento, ecc.) non possono essere eliminati, soprattutto in presenza di fonti tossiche, quali gli amalgami al mercurio.


Poi trovi tantissime discussioni e post sul gruppo e sulla pagina di Facebook, ma anche qui leggendo le risposte ad altre domande:

http://www.cristianadistefano.it/forum/index.php?topic=791.0
Citazione
Dunque come penso tu sappia, nella pagina dei consigli sul mio sito, sconsiglio l'assunzione di sostanze chelanti perchè peggiorano la situazione e consiglio solo una protezione per pochi giorni, indicandola.

http://www.cristianadistefano.it/forum/index.php?topic=780.0
Citazione
Quel dentista so che indica sostanze chelanti ai suoi pazienti ed io ti consiglio di non assumerle, perchè i chelanti anche naturali come ti ho già spiegato, se si hanno fonti tossiche, fanno peggiorare la situazione. Perciò ti consiglio di farti fare solo la rimozione.

e poi ancora:
http://www.cristianadistefano.it/forum/index.php?topic=785.0
http://www.cristianadistefano.it/forum/index.php?topic=778.0
http://www.cristianadistefano.it/forum/index.php?topic=536.0


se continui a cercare nel sito, ma anche su vari forum in internet dove ho risposto a delle domande, vedrai con i tuoi occhi quante e quante volte ho scritto sempre le stesse cose.

Se ancora non ti sembrano chiare le mie spiegazioni ti consiglio di farti aiutare da qualcuno ad interpretare esattamente quanto ti ho scritto.
Se invece vuoi fare la terapia chelante nessuno qui, né tanto meno io ti dirà di farla o non farla, questa è una cosa che deciderai tu, io posso solo consigliarti di girare le tue domande al dott. Rossi, dato che per professione fa il ricercatore ed è specializzato nella disintossicazione delle intossicazioni croniche da metalli tossici.

Cristiana

"Vivi la tua vita meglio che puoi circondato dall'amore che ti meriti!"
"Solo l'informazione potra' salvarci quando tutti gli ignoranti moriranno con il sorriso sulle labbra!"

Monic

  • Newbie
  • *
  • Post: 5
    • Mostra profilo
Re:Confusione
« Risposta #4 il: Maggio 23, 2011, 05:38:40 »
Ciao Cristina, ti ringrazio per avermi nuovamente risposto!  :)
Ora ho riletto tutto per bene e ho le idee un pò più chiare....dico un pò, perchè non vorrei sbilancirarmi nel dire di aver capito tutto!!! ;)


Anche se mi rimane un dubbio ahimè... :-\ nessuno mi ha detto che chi è intollerante ai metalli (volevo dire allergico ai metalli, scusami) deve fare per forza la terapia chelante, ma che potrebbe portare dei benefici/miglioramenti l'ho letto qui in un link postato da te:

http://www.cristianadistefano.it/vera_stejskal.html

Dove la Prof. Vera Stejskal di che che degli studi su pazineti " allergici ai metalli" , che fanno terapia antiossidante abbinata alla riduzione dell'esposizione ad essi con rimozione di amalgame/ ponti ed altri dispositivi dentali, e ad una successiva terapia a base di agenti chelanti migliora i lloro stato di salute. E l'articolo continua dicendo che porterebbe dei benefici.

Scusami Cristina, perchè un dente devitalizzato con amalgama non può essere semplicemente estratto? Perchè pulire i canali (per l'osso ok concordo) che poi verranno via con il dente??

Grazieeee mille della pazienza!! Un grosso saluto! ;)

Ps: Posso chiederti informazioni su un dentista in pvt??

Ciaoooo

cristiana

  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 2793
  • Sesso: Femmina
    • Mostra profilo
    • Intossicazioni croniche da accumulo di elementi tossici
Re:Confusione
« Risposta #5 il: Maggio 23, 2011, 10:15:32 »
L'allergia è una cosa, l'avvelenamento un'altra... solo alcuni metalli, grazie a Dio, sono velenosi.

Citazione
terapia antiossidante abbinata alla riduzione dell'esposizione ad essi con rimozione di amalgame/ ponti ed altri dispositivi dentali, e ad una successiva terapia a base di agenti chelanti migliora i lloro stato di salute. E l'articolo continua dicendo che porterebbe dei benefici.

La terapia antiossidante non è la terapia chelante. La terapia antiossidante che fa bene è naturale non chimica, e inoltre non tutti gli antiossidanti chelano, anzi sono pochi quelli che lo fanno... stai facendo davvero tanta confusione... se hai dubbi sul significato di alcune parole, ti consiglio di fare una piccola ricerca, ti servirà appunto a chiarire molti punti oscuri.  Qualsiasi terapia va iniziata solo quando non si sono più fonti tossiche nell'organismo. :-*
Cristiana

"Vivi la tua vita meglio che puoi circondato dall'amore che ti meriti!"
"Solo l'informazione potra' salvarci quando tutti gli ignoranti moriranno con il sorriso sulle labbra!"

8627antonio

  • Newbie
  • *
  • Post: 3
    • Mostra profilo
Re:Confusione
« Risposta #6 il: Maggio 25, 2011, 11:10:33 »
Salve,
il mio valore di mercurio è 0,0747. Ho eseguito il mineralogramma in un laboratorio che preferirei non fare il nome per ora e mi dicono che il range di soglia è 0,18 pertanto i miei valori sarebbero normali.
Mineral test invece mi dice che il valore è ben 7 volte oltre il limite!
Che ne pensate?

cristiana

  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 2793
  • Sesso: Femmina
    • Mostra profilo
    • Intossicazioni croniche da accumulo di elementi tossici
Re:Confusione
« Risposta #7 il: Maggio 25, 2011, 12:29:34 »
Salve,
il mio valore di mercurio è 0,0747. Ho eseguito il mineralogramma in un laboratorio che preferirei non fare il nome per ora e mi dicono che il range di soglia è 0,18 pertanto i miei valori sarebbero normali.
Mineral test invece mi dice che il valore è ben 7 volte oltre il limite!
Che ne pensate?
Anche se il valore di mercurio fosse zero non significa non essere intossicati, perchè bisogna tener conto di eccessi e carenze degli altri oligoelementi anche quelli tossici. Per quanto posso capirci io mi sembra un valore bello alto, ma poi solo il medico specializzato può dirti come stanno le cose e poi non c'è solo il mercurio nel nostro corpo.
Quello che dico sempre a tutti è che il mineralogramma non si legge come le analisi del sangue, bisogna saperlo fare. La seconda cosa che dico sempre è che ho imparato a fidarmi solo della Mineral Test, sia per esperienza personale, che per le tantissime testimonianze e racconti di chi mi contatta e anche soprattutto perchè gli altri laboratori, farmacie, ecc., fanno analizzare i capelli,  non sempre tagliati dai posti giusti e nel modo giusto, da un computer, su dati standard... quindi lo paragono a un abito taglia unica che a  chi è magra calza grande e lungo e a chi è formosa calza stretto e corto... ma un abito è un abito, male che va si butta via, ma con la salute non si scherza.
Quindi consiglio  di rivolgersi sempre a un laboratorio accreditato e che soprattutto rilascia sempre la fattura, primo sintomo di serietà  ;)
Cristiana

"Vivi la tua vita meglio che puoi circondato dall'amore che ti meriti!"
"Solo l'informazione potra' salvarci quando tutti gli ignoranti moriranno con il sorriso sulle labbra!"