Autore Topic: chelazione alluminio: sì o no?  (Letto 5357 volte)

rodanese

  • Newbie
  • *
  • Post: 7
    • Mostra profilo
chelazione alluminio: sì o no?
« il: Marzo 03, 2011, 04:17:41 »
so di essere un rompiscatole, ma lo faccio per amor di verità.

qui si dice che l'alluminio non può essere chelato

http://www.cristianadistefano.it/forum/index.php?topic=459.0

invece Dall'Osso sostiene che con l'edta è riuscito ad eliminare anche l'alluminio.

chi ha ragione?

grazie se mi risponderai e complimenti per la mole di informazioni che ci stai mettendo a disposizione.

cristiana

  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 2732
  • Sesso: Femmina
    • Mostra profilo
    • Intossicazioni croniche da accumulo di elementi tossici
Re:chelazione alluminio: sì o no?
« Risposta #1 il: Marzo 03, 2011, 07:47:00 »
so di essere un rompiscatole, ma lo faccio per amor di verità.

qui si dice che l'alluminio non può essere chelato

http://www.cristianadistefano.it/forum/index.php?topic=459.0

invece Dall'Osso sostiene che con l'edta è riuscito ad eliminare anche l'alluminio.

chi ha ragione?

grazie se mi risponderai e complimenti per la mole di informazioni che ci stai mettendo a disposizione.

Quel documento, che a mia volta ho postato da un altro sito, si riferisce all'intossicazione cronica da alluminio. Dovresti studiare come minimo la differenza tra intossicazione acuta e quella cronica e cosa succede a chi avendo fonti tossiche assume chelanti. Purtroppo spesso anche molti medici non conoscono l'enorme differenza, ma fortunatamente da qualche tempo se n'è iniziato a parlare anche in Tv.

In caso d'intossicazione acuta (di solito da piombo) bisogna correre in ospedale dove cheleranno immediatamente per salvare il soggetto in pericolo.
In caso d'intossicazione cronica i chelanti chimici sono inefficaci. Soltanto con un'integrazione mirata e personalizzata degli oligoelementi carenti, pian piano se ne esce fuori.

Ti segnalo il link dove trovi un recentissimo studio scientifico, ma sul mio sito, in rete e nei libri di medicina specifici trovi tante info:
http://www.cristianadistefano.it/forum/index.php?board=27.0

Ciao  :)

P.S.: io non ho trovato referti scientifici che avallino le dichiarazioni di Dell'Osso, anzi gli unici che ho visto in rete che però riguardano la sclerosi multipla, non l'intossicazione (sull'intossicazione non ho letto neanche un mineralogramma, non so la sua condizione  né prima, né adesso), segnalavano nuove placche attive, cioè l'avanzamento della degenerazione, ma ormai sono di qualche tempo fa, non so se ha fatto nuove risonanze magnetiche e mi auguro vivamente che la degenerazione si sia arrestata, da quel che ho letto ne ha passate tante e merita il meglio dalla vita. Forza Matteo!
Io mi controllo ogni anno, faccio visite e risonanza, senza mezzo di contrasto ovviamente (gadolinio) e pubblico sempre tutto nella sezione dedicata di questo forum, se vuoi leggere i miei post.
Cristiana

"Vivi la tua vita meglio che puoi circondato dall'amore che ti meriti!"
"Solo l'informazione potra' salvarci quando tutti gli ignoranti moriranno con il sorriso sulle labbra!"

rodanese

  • Newbie
  • *
  • Post: 7
    • Mostra profilo
Re:chelazione alluminio: sì o no?
« Risposta #2 il: Marzo 04, 2011, 11:53:43 »
grazie