Autore Topic: ARRIVANO LE PIANTE 'MANGIA-METALLI'  (Letto 8406 volte)

cristiana

  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 2734
  • Sesso: Femmina
    • Mostra profilo
    • Intossicazioni croniche da accumulo di elementi tossici
ARRIVANO LE PIANTE 'MANGIA-METALLI'
« il: Ottobre 21, 2010, 10:34:08 »
18/10/10

Le piante mangia-metalli

  Risanare i terreni inquinati da metalli pesanti coltivando particolari piante: è questa la nuova frontiera delle tecniche di riqualificazione ambientale. Studi recenti hanno dimostrato l’efficacia della fitodecontaminazione, mediante cui girasoli, mais e brassicacee (piante della famiglia dei cavoli) possono essere impiegate come sistemi di disinquinamento.

“Elevate concentrazioni di metalli in forma diffusa e parcellizzata quali polveri, microparticelle presenti nell’aria, nel suolo e nelle acque” - ha spiegato Franco Gambale, direttore dell’Istituto di biofisica (Ibf) del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) di Genova - sul notiziario del Cnr - possono avere gravi conseguenze sulla salute umana e tra i metalli pesanti il piombo è l’elemento più diffuso. Le tecniche utilizzate fino a oggi, con elementi chimici, hanno limiti oggettivi sia per i costi di bonifica delle aree interessate, sia per gli effetti successivi al trattamento: perdita della fertilità e altre gravi alterazioni di natura chimica, fisica e biologica, tali che le aree inquinate rimangono inutilizzate per decine di anni”.
“La fitodecontaminazione, al contrario, è un processo di purificazione naturale, in quanto - ha continuato il direttore dell’Ibf-Cnr - sfrutta la capacità delle piante di assorbire elementi e composti dal suolo per poi concentrarli nelle parti mietibili (fusto e foglie). Le piante in questione, se opportunamente trattate con sostanze dette chelanti, che servono a rendere estraibili i metalli inquinanti, funzionano come pompe che operano a energia solare, in grado di assorbire dall’acqua e dal terreno non solo i sali minerali necessari per la propria sussistenza, ma anche elementi tossici minerali e/o organici”.

Fonte


14/10/10

(AGI) - Roma, 14 ott. - Risanare con la coltivazione di piante i terreni inquinati da metalli pesanti a causa delle attivita' umane.

E' questa la nuova frontiera delle tecniche di riqualificazione ambientale. Studi recenti hanno dimostrato l'efficacia della fitodecontaminazione, mediante cui, girasoli, mais e brassica (una pianta della famiglia dei cavoli), possono essere impiegati come sistemi di disinquinamento.

  ''Elevate concentrazioni di metalli in forma diffusa e parcellizzata quali polveri, microparticelle presenti nell'aria, nel suolo e nelle acque'' - ha spiegato Franco Gambale, direttore dell'Istituto di biofisica (Ibf) del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) di Genova - sul notiziario del Cnr - possono avere gravi conseguenze sulla salute umana e tra i metalli pesanti il piombo e' l'elemento piu' diffuso. Le tecniche utilizzate fino a oggi, con elementi chimici, hanno limiti oggettivi sia per i costi di bonifica delle aree interessate, sia per gli effetti successivi al trattamento: perdita della fertilita' e altre gravi alterazioni di natura chimica, fisica e biologica, tali che le aree inquinate rimangono inutilizzate per decine di anni''.

  ''La fitodecontaminazione, al contrario, e' un processo di purificazione naturale, in quanto - ha continuato il direttore dell'Ibf-Cnr - sfrutta la capacita' delle piante di assorbire elementi e composti dal suolo per poi concentrarli nelle parti mietibili (fusto e foglie).

Le piante in questione, se opportunamente trattate con sostanze dette chelanti, che servono a rendere estraibili i metalli inquinanti, funzionano come pompe che operano a energia solare, in grado di assorbire dall'acqua e dal terreno non solo i sali minerali necessari per la propria sussistenza, ma anche elementi tossici minerali e/o organici''. (AGI) Red/Mld/Dib

Fonte
Cristiana

"Vivi la tua vita meglio che puoi circondato dall'amore che ti meriti!"
"Solo l'informazione potra' salvarci quando tutti gli ignoranti moriranno con il sorriso sulle labbra!"

cristiana

  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 2734
  • Sesso: Femmina
    • Mostra profilo
    • Intossicazioni croniche da accumulo di elementi tossici
Re:ARRIVANO LE PIANTE 'MANGIA-METALLI'
« Risposta #1 il: Gennaio 26, 2011, 11:42:23 »
07/12/10

Pioppi contro i metalli pesanti diffusi nell’aria

E' il pioppo il miglior rimedio naturale contro l'inquinamento da metalli pesanti nelle città.

I dati arrivano da alcune ricerche scientifiche illustrate a un workshop tra esperti alla Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa, organizzato da Luca Sebastiani, coordinatore dei BioLabs della Scuola nell'ambito del progetto finanziato dal ministero degli Esteri.

''L'inquinamento del suolo e delle acque da parte di metalli pesanti come zinco, rame e cadmio - spiega una nota del Sant'Anna - è un fattore di rischio per gli ambienti naturali e coltivati. Lo scopo è quello di poter utilizzare queste conoscenze per coltivare le piante anche in aree inquinate o per applicazioni di fitorimedio.

Tra le numerose specie coltivate, il pioppo ha oggi un interesse crescente per la produzione di biomassa e grazie alla sua rapidità d'accrescimento e agli alti tassi di traspirazione che si traducono in significative quantità di contaminanti assorbiti''.

Le nuove tecnologie offerte dalla genomica e dalla proteomica consentono oggi di studiare i singoli geni e le proteine coinvolte nel trasporto, accumulo e detossificazione dei metalli pesanti, fornendo le basi teoriche e metodologiche per il miglioramento del pioppo per la tolleranza ai metalli pesanti e per il potenziamento delle sue capacità di abbattere l'inquinamento.

Fonte
Cristiana

"Vivi la tua vita meglio che puoi circondato dall'amore che ti meriti!"
"Solo l'informazione potra' salvarci quando tutti gli ignoranti moriranno con il sorriso sulle labbra!"