Autore Topic: OMS: Gli amalgami dentali sono la principale fonte di esposizione al mercurio  (Letto 8948 volte)

cristiana

  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 2782
  • Sesso: Femmina
    • Mostra profilo
    • Intossicazioni croniche da accumulo di elementi tossici
Ho tradotto da sola, spero non abbia commesso gravi errori, nel caso correggetemi per favore.

14/01/08

Gli amalgami dentali
sono la principale fonte di esposizione al mercurio
per la maggior parte delle persone nei paesi industrializzati

Il Mercurio e le sue mescolanze sono molto tossici per gli esseri umani, ecosistemi e fauna.
Anche le dosi relativamente basse possono avere degli effetti neurotossici seri sugli adulti ed i bambini. Inizialmente considerato come un problema acuto e locale, si è finalmente compreso che i suoi effetti cronici sono una sfida globale.
Alcuni studi riguardano anche gli aspetti riguardanti effetti renali e cardiovascolari.
Ritrovamenti epidemiologici e nuovi indicano che effetti tossici possono accadere a livelli di esposizione più bassi di quanto venivano considerati prima.
Il  metilmercurio  può attraversare la placenta, entrando nel feto ed accumulandosi nel suo cervello ed altri tessuti. Perciò, l'esposizione di donne in età fertile e bambini sono una delle più grandi inquietudini.

A causa del trasporto di mercurio attraverso l'ambiente naturale ed il suo bioaccumulo, l’origine di esposizione al metilmercurio nella popolazione generale è l’alimentazione, in particolare il consumo di pesce.

Gli amalgami dentali sono la principale fonte di esposizione al mercurio per la maggior parte delle persone nei paesi industrializzati.

Le altre fonti includono la cosmetica, il tiomersale nei vaccini, i termometri e le altre apparecchiature mediche.

Le preoccupazioni specifiche sono le potenziali esposizioni della popolazione che vive vicino a luoghi di spreco, abbandono e piante contaminati dai prodotti contenenti mercurio.
Identificando tali luoghi è possibile stimare i rischi di salute da contaminazione e creare dei programmi per la gestione del rischio in via di sviluppo, per avere effetti positivi immediati sulla salute della popolazione esposta e prevenire il rischio di esposizione futura.

Fonte: World Health Organization Regional Office for Europe



14 January 2008

Mercury and its compounds are highly toxic to humans, ecosystems and wildlife. Even relatively low doses can have serious neurotoxic effects on adults and children. Initially considered as an acute and local problem, they are now understood to be a global challenge with chronic effects. Some studies also show renal and cardiovascular effects. New epidemiological findings indicate that toxic effects may occur at lower exposure levels then previously considered. Methylmercury can cross the placenta, entering the fetus and accumulating in its brain and other tissues. Hence, exposure of women of childbearing age and children is of the greatest concern.

Owing to the transport of mercury through the environment and its bioaccumulation, the principle source of exposure to methylmercury in the general population is diet, in particular fish consumption. Dental amalgams are the main source of mercury exposure for most people in developed countries. Other sources include cosmetics, thiomersal in vaccinnes, thermometers and other medical devices.

Specific concerns are the potential exposures of population living near contaminated sites, waste and dumping sites, and plants producing mercury-containing products. Identifying such sites, assessing health risks from exposure and developing risk management programmes may have immediate positive health effects on the exposed population, and help to prevent the risk of future exposure.


Cristiana

"Vivi la tua vita meglio che puoi circondato dall'amore che ti meriti!"
"Solo l'informazione potra' salvarci quando tutti gli ignoranti moriranno con il sorriso sulle labbra!"