Autore Topic: Milano, amalgame e impianto  (Letto 26 volte)

Rivoluzione delle Specie

  • Newbie
  • *
  • Post: 19
    • Mostra profilo
Milano, amalgame e impianto
« il: Gennaio 12, 2023, 12:57:14 »
Buongiorno,

dopo oltre un anno posso finalmente esprimermi su quanto successo.

Dopo aver capito l'importanza di togliermi le amalgami dentali, mi dirigo verso lo studio dentistico in Milano, speranzoso delle buone recensioni. Alla prima visita si effettua risonanza per i denti e si evidenzia una amalgama hg e altre carie in composito vecchie.
La volta successiva, per me si poteva fare anche subito perché facevo km e km di strada, mi rimuove la amalgama con protocollo totalmente differente da quanto enunciato in questo sito web. A mio vedere non ho visto una protezione esagerata della zona di eradicazione del mercurio, anzi dopo la seduta mi sono sentito un pò strano, come se avessi ricevuto qualcosa di indesiderato. Va bè, tralascio questo aspetto e vado oltre. Le vecchie otturazioni e quella al hg vengono sostituite con composito.
Dalla risonanza precedente era emerso un devitalizzato di vecchia data. Mia madre non mi ha mai curato appieno per ignoranza, per questo sin da piccolo ho una parte della mascella sx che curva invece di essere lineare. Non si vede fuori, ma al tocco si sente bene. Probabilmente è una mancanza di cura con apparecchio in età giovanile. Questo dente era stato curato molti anni fa e il dentista non aveva pulito bene le radici, ma aveva costruito il dente non con le classiche punte, ma il molare era stato fatto piatto, proprio per ricevere qualsiasi cibo. Sono andato avanti per oltre 10 anni che stavo bene, fino al punto che ha incominciato a infettarsi nelle radici e il dolore andava al cervello.
Per me era una questione di porre fine questo cattivo operato di mia madre e di voltare pagina.

Le otturazioni sin dal giorno dopo hanno incominciato a farmi male dentro. Sono andato da diversi dentisti ed è la prima volta che mi capita. Non è stato nemmeno inserito il famoso antibiotico all'interno dei denti curati ex novo. Non so per quali teorie, ma per me le idee naturali sono cazzate. Qualsiasi intervento sul corpo non è naturale quindi ogni terapia che sia meno o più invasiva è sempre una terapia artificiale e non naturale.

Le cose si stabilizzano, anche per il fatto del mercurio assorbito per mancanza di un adeguato protocollo.

Dalle volte successive mi viene proposto o rimozione del vecchio devitalizzato con radici e impianto a 2500€, aggiungo + viaggio, o cura con sostituzione del devitalizzato e pulizia e nuovo devitalizzato sulle radici.

ALLORA, LO SCRIVO GRANDE COSI CPAITE MEGLIO CHE E' IMPORTANTE:

NON FATEVI MAI UN IMPIANTO SE NON STRETTAMENTE NECESSARIO E MO VE LO SPIEGO

A parte i costi e i tempi nettamente maggiori per guarire e concludere l'operazione nei migliori dei modi, c'è un problema di fondo enorme, cioè che l'impianto è un terno al lotto. Si poggia su un perno e non su 3 radici con ampio spazio. Quindi un impianto ha un solo punto su cui far reggere tutta la montatura e qui sta il problema, che ai fianchi dell'impianto passa cibo e batteri continuamente. Altro che igiene, devi farti una sciacquata di varechina ogni igorno per avere l'impianto pulito e vegeto senza infezioni continue. Questo capito a quelli sfortunati come me.

Quindi, ho optato per l'impianto perché mi era stato detto esplicitamente che eliminava le infezioni al 100% per molto tempo. Inutile far scegliere al paziente cosa deve scegliere, noi non siamo in grado di scegliere nel momento perché pecchiamo di conoscenza. Comunque, tolgo il vecchio devitalizzato con radici, c'erano due infezioni nelle radici. E' stato un bene? non lo so, ma so che sto bene dai giorni seguenti. Decido per non prendere antibiotici.

Il sanguinamento è intenso nei primi 2gg. Arrivo ancora su a Milano per mettermi il provvisorio per tot mesi, con questo andavo abbastanza bene, ma sentivo come un buco in mezzo al dente tra il provvisorio e l'altro adiacente sano.

Allora glielo dico e lui diceva che doveva stabilizzarsi tutto visto che era venuto a mancare un dente. Va bene, allora paziento e arrivo al giorno in cui mi mette l'impianto. Una volta messo sulla base a vite impiantata precedentemente, mi sciacquo la bocca con acqua fredda e sento immediatamente un dolore lancinante di freddo nella fessura tra i due denti. Glielo dico, stessa risposta.

Attendo 2 mesi e lo chiamo, la segretaria ipotizza che sia il mio fisico e che era meglio evitare altri incontri, certo perché sono soldi in meno per un paziente non pagante che si deve sistemare ancora dopo un'operazione andata male, alla volta successiva l'impianto viene livellato a caldo per allargarlo. Sento che il dente è più grande e copre meglio la fessura, ma persiste perché dopo qualche giorno tutto ritorna come prima.

Ora sono messo anche peggio, ho un dolore intenso alla parte sx del cervello che parte dal buco tra i denti, mi è stato detto che il dente sta facendo arretrare l'osso e che devo pulire col filo a fondo ogni giorno, si come se avessi tempo tra badare i miei figli e la casa e il lavoro.

Stavo nettamente meglio col provvisorio, anche se poi è degenerato perché era di materiale meno resistente e aveva scavato troppo nella sua posizione facendomi male. Ma stavo molto meglio prima col devitalizzato, quando non era del tutto infetto.

A questo punto cerco una soluzione per ritornare come prima, un dentista dell'ospedale ormai in pensione mi dice che una volta fatto l'impianto non si torna indietro. E io ora col male che faccio? vado avanti a filo e tantum verde per alleviare i sintomi a vita? mi sta creando problemi al lavoro e di altro genere perché è un'infezione che può degenerare.

QUINDI, SIGNORI MIEI, EVITATE COME LA PESTE GLI IMPIANTI, SONO COME I VACCINI, NON SAI CHE PUO' ATTENDERTI, PREFERITE SE POSSIBILE DEVITALIZZATI E PULITELI DA CPAO RIFACENDOLI OGNI TOT ANNI, COSTA MENO, STATE MEGLIO, POI OGNI CASO HA LA SUA STORIA E NON SARO' IO A DIRVI CHE FARE VISTO CHE NON SONO MEDICO, MA UESTA E' LA MIA SITUAZIONE DOPO 2875€ SPESI A CASACCIO